L’APPRENDISTATO DOPO LA RIFORMA LAVORO

Come cambia l’apprendistato dopo l’entrata in vigore della Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione del D.L n. 34 del 20 marzo 2014 e gli effetti prodotti sui contratti stipulati nel periodo di vigenza del citato decreto legge.
L’apprendistato che esce delineato dopo la conversione in Legge del D.L. n. 34 del 20 marzo 2014, ad opera della Legge n. 78 del 16 maggio 2014, nonostante risulti meno liberalizzato e semplificato rispetto alle intenzioni iniziali del legislatore, presenta modifiche che vanno analizzate ed approfondite

UFF_RIFORMA_LAVORO

APPLICAZIONE LEGGE FORNERO LICENZIAMENTO

Lo speciale rito Fornero è istituito dalla riforma del lavoro per l’utilizzo nelle controversie relative all’impugnazione del licenziamento, nelle ipotesi regolate dall’art. 18 della Legge n.300/1970.
Il rito prevede due fasi: una necessaria, la fase d’urgenza, ed una eventuale, la fase dell’opposizione.
A quasi due anni dall’entrata in vigore, l’orientamento giurisprudenziale ne definisce i contorni

UFF_CONTROVERSIE_LICENZIAMENTO

Partirà mercoledì 4 giugno alle ore 14,30 il primo corso di barman ad Angri.

Ad organizzarlo è la Confesercenti Provinciale di Salerno con la Confesercenti di Angri e l’azienda speciale “Polaris” della Camera di Commercio di Salerno. Si svolgerà nella splendida “Villa Ferraioli” di Angri in via Cupa Mastrogennaro.
“E’ un corso di specializzazione – dichiara il presidente della Confesercenti di Angri Aldo Severino– quindi rivolto a titolari e dipendenti di aziende del settore bar, ristorazione e somministrazione”. La Confesercenti angrese persegue dunque l’obiettivo di garantire supporto alle imprese – “Stiamo dando vita ad una lunga serie di progetti ed eventi perché riteniamo che soprattutto in questo periodo le imprese del commercio, servizi ed artigianato debbano avere un valido supporto per affrontare le numerose sfide del momento – commenta Aldo Severino – l’obiettivo è duplice, avviare maggiori sinergie per intraprendere progetti sempre più interessanti e contemporaneamente fare rete perché io credo che solo se facciamo rete e stiamo insieme, riusciamo a ottenere risultati”. Il corso, organizzato a due mani dalla Confesercenti Provinciale e dalla Confesercenti angrese, voluto dalla direttrice Bianca Cecaro Pierro, sotto l’egida del Presidente Provinciale Enrico Bottiglieri e patrocinato dall’azienda speciale “Polaris” della Camera di Commercio di Salerno, è articolato in lezioni teoriche e pratiche ed intende fornire le conoscenze di base e di aggiornamento nel settore del bar. Nella splendida location offerta da Villa Ferraioli, fiore all’occhiello dell’accoglienza angrese, si imparerà ad utilizzare con disinvoltura le attrezzature ed i principali prodotti di mescita e miscelazione; a preparare e decorare fantastici cocktail; a leggere, interpretare e formulare nuove ricette; a lavorare con classe e fantasia per valorizzare al meglio il proprio locale. Al termine del corso i partecipanti avranno acquisito le giuste competenze per re-inventare, con sempre nuove idee, l’offerta dei bar nei diversi momenti della giornata. Il corso sarà condotto da Pietro Santoro esperto formatore barman, riconosciuto ed autorizzato ed avrà la durata di 20 ore suddivise in 5 lezioni. L’intensità delle esercitazioni di prova pratica, coprirà il 100% del corso che si concluderà con rilascio di un attestato

LA CONFESERCENTI ANGRI DICE A GRAN VOCE: “BASTA A SOPRUSI, ABUSIVISMO E ILLEGALITA’!”

Il Presidente Aldo Severino, si mobilita su questioni di fondamentale importanza,chiedendo al Sindaco Pasquale Mauri interventi urgenti mediante un pubblico tavolo di confronto e di trattativa con commercianti e cittadini, per venire incontro alle loro esigenze, prevenire fenomeni di illegalità, e contribuire sempre più allo sviluppo economico e culturale della nostra città.
Così si esprime il Presidente Severino: ” La nostra Associazione, facendosi portavoce delle proteste di numerosi commercianti, chiede un impegno concreto ed efficace, per contrastare i fenomeni della vendita abusiva itinerante, ormai capillare e sistematica in diverse parti della città, e dell’occupazione illegale di suolo pubblico, al fine di esporre la merce, con conseguente violazione delle norme igienico-sanitarie ed elusione degli oneri tributari e fiscali che genera il consolidarsi di una concorrenza sleale a danno dei piccoli imprenditori onesti. Inoltre la nostra cittadina è invasa sempre più da affissioni e cartelloni pubblicitari abusivi che violano il codice della strada, le norme sulla sicurezza e sull’impatto ambientale, oltre che determinare un mancato introito per le Casse Comunali. Non posso non prendere atto poi, del malcontento che serpeggia tra gli operatori del settore, i quali si sono visti sospendere da parte del Comune le autorizzazioni per l’installazione di gazebo e dehors esterni. Non si possano lasciare gli imprenditori, soprattutto in momenti difficili come questi per il commercio, e dopo aver sostenuto una spesa alle volte anche ingente per la realizzazione di tali strutture, in sospeso per così lungo tempo. Chiedo poi, in particolare sul fondo Caiazzo, a bonifica compiuta, la realizzazione di un parcheggio e di un’area verde con parco giochi, per venire incontro non solo alle necessità di coloro che abitano nei dintorni, ma favorire l’intera collettività, attirando in questo modo anche cittadini da paesi limitrofi che troverebbero un luogo confortevole, utile a muovere il circuito commerciale sempre più in crisi. Dunque è necessario completare al più presto il processo già avviato di riqualificazione e riconversione di quest’area ancora contaminata dall’amianto, il killer silenzioso che rappresenta una vera emergenza, umana, ambientale e sanitaria. Altra questione riguarda l’urgenza di applicare agevolazioni fiscali. Gravosa è la condizione in cui versano le imprese del territorio sempre più schiacciate da crisi, abusivismo e pressione fiscale insostenibile; un vero e proprio tsunami si è abbattuto sui settori storicamente portanti della nostra economia: commercio ed artigianato. Avremo sempre più difficoltà a risollevarci senza un intervento efficace dell’Amministrazione, alla quale Chiedo di studiare forme di aiuti per le nostre Piccole e Medie Imprese, da realizzarsi medianti sgravi fiscali sulle tasse comunali o quant’altro risulti utile a non esacerbare la spirale di povertà e disoccupazione che ci attanaglia. La risoluzione di queste problematiche è fondamentale per rilanciare e valorizzare il nostro territorio. A tal proposito è doveroso menzionare la manifestazione ideata dall’Amministrazione Mauri, Spettri al Castello, conclusasi proprio poche settimane fa. L’evento, che ha riscosso grande successo, è stato capace di attirare a se migliaia di spettatori provenienti da ogni dove, che si sono riversati nei meandri del Castello, nei giardini della Villa, nei vicoli, nelle piazze della nostra città: un vero e proprio catalizzatore di cultura e turismo. Ciò dimostra come Angri sia sempre più protagonista di eventi importanti, tanto da divenire capofila dei Paesi dell’Agro Nocerino Sarnese nella promozione e sviluppo economico, culturale e sociale del territorio.
Dunque contrastare l’abusivismo, riconquistare marciapiedi e strade, salvaguardare la salute dei cittadini, sono richieste sia di decoro urbano che di convivenza civile. Basti pensare ad esempio, all’impegno con cui la nostra Associazione è scesa in campo, realizzando il progetto di sensibilizzazione per la raccolta delle deiezioni canine: il rispetto degli spazi comuni, la cura degli animali con la raccolta dei loro bisogni, la tutela dell’ambiente, devono assolutamente diventare valori prioritari: avere delle strade pulite ed in ordine è il primo segno di civiltà di un paese: solo così Angri potrà assurgere sempre più a polo attrattivo.
Ribadiamo, dunque, con forza la necessità di un incontro immediato con l’Amministrazione Comunale per rilanciare il tema del rispetto della legalità, della tutela dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini e adottare i dovuti provvedimenti per risolvere le problematiche esaminate”.

Negozi alla rottamazione ” Assegno mensile (501€) a chi rende la Licenza”

Articolo 1, comma 490, lett. a), b) e c) della legge 27 dicembre 2013,
n. 147 (c.d. Legge di stabilità 2014). Modifiche all’articolo 19-ter del
decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con
modificazioni dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 e ulteriormente
novellato dall’art. 35 della legge 4 novembre 2010, n. 183.
Indennizzi per la cessazione dell’attività commerciale di cui al
decreto legislativo 28 marzo 1996, n. 207

rassegna22mag14

Messaggio numero 4832 del 21-05-2014

“Lib(e)ri in città” Maggio dei libri sboccia a Cava de’Tirreni colorandosi dei mille colori de L’ Iride. Associazione culturale L’IRIDE per promuovere la lettura

LIBERI IN CITTA'

Mercoledì 21 maggio alle ore 11,00 al comune di Cava de’ Tirreni, alla presenza del Sindaco di Cava de’ Tirreni, prof. Marco Galdi, del Commissario Straordinario dell’Azienda di Soggiorno e Turismo, arch. Carmine Salsano, del presidente Confesercenti Cava, Aldo Trezza, verrà presentata, nell’ambito del Maggio dei Libri, la campagna nazionale di promozione del valore sociale della lettura, l’iniziativa che l’Associazione culturale L’IRIDE di Cava de’ Tirreni, nella persona della presidente Maria Gabriella Alfano, ha creato: “Lib(e)ri in città”. Scopo da perseguire in linea con il principale obiettivo dell’associazione diffondere la lettura e avvicinare ai libri nuove e vecchie generazioni, facendo riscoprire il fascino della lettura e la libertà della fantasia, che un libro riesce a dare.
L’iniziativa, realizzata con la collaborazione attiva di Confesercenti di Cava de’ Tirreni, vedrà la messa a disposizione della comunità dei volumi che, nel corso degli anni, hanno partecipato al “Premio letterario Città di Cava de’Tirreni”, di cui è in corso di svolgimento la trentunesima edizione.
Una pioggia di libri, di autori noti e di autori emergenti, che saranno messi a disposizione gratuitamente nei luoghi pubblici o in tutte i luoghi di attesa, per la lettura in loco o per scatenare un bookcrossing virale, con uno scambio di libri, al fine di condividere emozioni.
“Uno degli scopi della nostra Associazione -dichiara la presidente arch. Maria Gabriella Alfano- è la promozione della lettura. Con il presidente di Confesercenti Aldo Trezza, che ha immediatamente condiviso l’iniziativa, abbiamo convenuto che l’Associazione di categoria curerà la distribuzione dei libri negli esercizi commerciali, nei bar, nei pub, nei centri estetici, nelle sale di attesa dei medici, dei commercialisti ed in tutti gli altri luoghi in cui vi è la permanenza di persone, rendendo gradevole l’attesa, insegnando come il tempo in qualsiasi sala d’aspetto possa essere impiegato nella lettura di un libro. I volumi potranno essere anche portati via per continuare la lettura a casa, auspicando che siano riportati quando essa sarà terminata.”

Per informazioni

L’ IRIDE
CENTRO D’ARTE E CULTURA – Cava de’ Tirreni
www.irideartecultura.it

Via Gen. Martelli Castaldi, 4 – 84013 Cava de’ Tirreni (SA) – Tel. 089 464351